Prendersi cura di sé con un bagno caldo ha numerosi benefici perché si tratta di un momento di transizione fra la vita frenetica lavorativa e gli affetti che ritroviamo a casa. Questo tempo prezioso trascorso in ammollo ci permette di “lasciare fuori dalla porta della nostra abitazione “ i problemi del quotidiano, potendoci dedicare a mente libera ai nostri cari. Gli psicologi consigliano un buon bagno caldo anche per combattere il cosiddetto Winter Blues, la tristezza e l’inedia che colpisce molte persone all’arrivo della stagione fredda. Immergersi per almeno un quarto d’ora in acqua calda sarebbe un ottimo antidoto a questa sindrome stagionale. Secondo gli studiosi dell’Università di Friburgo, gioverebbe persino ai sintomi della depressione, grazie ad un innalzamento della serotonina.

Come preparare un bagno rilassante

Chi immagina il bagno caldo come l’immersione in una vasca strabordante di schiuma, dovrà rivedere la propria idea di rituale di bellezza. I tensioattivi, gli agenti schiumogeni, potrebbero, infatti, in combinazione con l’acqua calda disidratare la pelle.  
Per idratare la pelle possiamo sciogliere nell’acqua degli oli naturali come l’olio di jojoba o l’olio di mandorle. Grazie alla temperatura dell’acqua, si dilatano i pori della pelle e l’idratazione risulta più profonda. Possiamo anche optare per l’amido di riso, di cui sono note le virtù lenitive ed emollienti.

Qual è il tempo giusto per cullarsi nell’acqua calda?

Gli esperti e i dermatologi consigliano di non superare i venti minuti per un bagno rilassante. Questo sarebbe il tempo massimo oltre il quale la nostra pelle sarebbe esposta a disidratazione.
Se siamo abituati a essere multitasking e desideriamo ottimizzare ogni attimo, potremo utilizzare questo quarto d’ora per prenderci cura anche della pelle del viso. Perché, quindi, non impiegare questo tempo per lasciare in posa una maschera per il viso? La maschera Foen ad azione purificante e idratante è proprio quello che ci vuole per rimuovere efficacemente le impurità depositate sulla pelle del viso durante la giornata come ad esempio lo smog.

Quali prodotti usare per la pelle dopo il bagno? Il tocco finale di bellezza

Dopo una giornata fuori casa, esposti a temperature rigide o al caldo dei termosifoni, la nostra pelle può mostrare segni di secchezza. Occorre quindi, dopo il bagno, nutrire l’epidermide con una crema che dia nuova vitalità ai tessuti cutanei senza ungere. La Crema Corpo Vellutante Idratante grazie a selezionati ingredienti naturali rende la pelle elastica, tonica e idratata. Il Burro di Karitè e l’Olio d’Oliva hanno efficacia lenitiva, emolliente mentre l’Estratto di Finocchio remineralizza la cute e la rende idratata senza ungerla.

Cosa mettere nella vasca da bagno per ammorbidire la pelle

Gli oli essenziali sono un vero prodigio per corpo e mente. Bastano poche gocce versate nell’acqua per ottenere effetti positivi:

  • l’olio essenziale di lavanda non solo aiuta ad alleviare la stanchezza ma ha anche una funzione cicatrizzante per piccole abrasioni;
  • l’olio essenziale di arancio dolce  tonifica la pelle e combatte la ritenzione idrica;
  • l’olio essenziale di cirmolo aiuta a respirare meglio e allevia le contratture muscolari.

Infine la luce: è risaputo che la luce soffusa delle candele abbia un effetto calmante. Basterà accendere qualche lume per riposare anche la vista.

Il bagno caldo: altri vantaggi

Un bagno caldo defaticante ha altri vantaggi dimostrati dalla Scienza, anche a livello fisico.
Uno studio dell’Università inglese di Loughborough avrebbe dimostrato che un bagno caldo di almeno un’ora abbasserebbe il livello di concentrazione di zuccheri nel sangue quanto un’escursione in bicicletta di ugual durata.
Una ricerca dell’Università del Texas, pubblicata dalla  rivista pubblicata dalla rivista Sleep Medicine Review, ha poi dimostrato scientificamente quello che le nonne hanno sempre saputo e consigliato: un bagno caldo favorisce il sonno. Gli scienziati americani hanno analizzato oltre 5.322 studi effettuati sui benefici dell’immersione in acqua calda contro l’insonnia e hanno quindi potuto decretare che fare un bagno rilassante, 1 o 2 ore prima di andare a letto, diminuisce la latenza del sonno (ovvero il tempo necessario per addormentarsi) e ne migliora la qualità.
In generale restare in ammollo in acqua a temperatura fra i 35° e i 40°, avrebbe questi vantaggi sul fisico:
  • effetto antinfiammatorio e distensivo su muscoli e articolazioni;
  • efficacia detox per eliminare le tossine e le impurità della pelle;

Visita il sito Foen e scopri i benefici dell’ estratto di Finocchio per il benessere della tua pelle, soprattutto durante la stagione fredda!